domenica 30 aprile 2017

le pen



Una donna d'acciaio nella grafia della Le Pen"

Dalla grafia e dalla firma della politica francese si nota una energia
vitale che le conferisce una grande padronanza nel sostenere gli
impegni e nel perseguire gli obiettivi

Evi Crotti - Sab, 29/04/2017 - 12:52


Dalla grafia e dalla firma della politica francese si nota una energia
vitale che le conferisce una grande padronanza nel sostenere gli
impegni e nel perseguire gli obiettivi, senza mai retrocedere dai suoi
intenti.

Utilizzando un termine Junghiano posiamo dire che Marine le Pen
possiede un “animus” dominante, ossia una connotazione maschile che la
porta a lottare per ciò in cui crede senza sconti e cercando anche
d’imporsi. Non accetta, infatti, facilmente la sconfitta poiché non
ama perdere. In questo contesto di sfida e di volontà, la “le Pen“ è
sorretta da una notevole intelligenza, da un pensiero concreto e da un
credo che la porta a superare gli ostacoli che può incontrare. Come ha
sfidato il padre senza problemi (vedi firma più grande della scrittura
del testo), così oggi, per portare avanti il proprio credo, non guarda
in faccia a nessuno utilizzando anche forme di aggressività verbale
almeno quando viene attaccata. Non si tratta di atteggiamenti di
rivolta ad oltranza, bensì della consapevolezza nei talenti che
possiede e che la portano a sfidare chiunque si opponga così come
amerebbe invece un dialogo per interloquire e raggiungere
pacificamente gli obiettivi sociali in cui crede. Alla pari con la
lady di ferro inglese, Margaret Thatcher, lei potrebbe essere definita
“donna d’acciaio”. (Clicca qui per guardare la firma e la grafia della
Le Pen)

t.M.Doss

Nessun commento:

Posta un commento