sabato 15 aprile 2017

Avv. Marco Mori appello agli italiani


Maria Doss
 
Avv. Marco Mori appello agli italiani
MEDITAZIONE COLLETTIVA Stasera, il 14 aprile, dalle 21.30
COME PICCHIARE LA MOGLIE ...


Avv. Marco Mori appello agli italiani

Posted: 15 Apr 2017 07:57 AM PDT
Cari italiani,
il Paese vive un momento drammatico. Siamo travolti dal regime violento della finanza internazionale che, tramite un governo collaborazionista e false opposizioni, ci impone riforme che consolidano, ogni giorno di più, il potere del capitale.
La Costituzione è calpestata, la falsa emergenza cancella i diritti e offusca le menti. Ci hanno convinto ad amare i carnefici e a credere nelle loro politiche. Ci hanno convinto che non c’è più nulla da fare, che dobbiamo competere con tutto e tutti in questo nuovo mondo. Ma le bestie competono! Gli esseri umani collaborano per il bene comune!
La salvezza è ancora possibile. Grazie proprio a quella Costituzione che i Padri Costituenti ci hanno lasciato, abbiamo tutte le possibilità per riscattare la nostra sovranità e riproporre una società in cui l’etica venga al primo posto e l’economia sia unicamente sussidiaria all’interesse pubblico. Un’economia dunque coordinata, disciplinata e coordinata dalla democrazia e che tuteli il piccolo a scapito dei grandi. La funzione sociale della proprietà va riscoperta. Un’economia in cui la finanza sarà bandita, dove speculare dovrà essere il più grave dei reati. Dietro ogni speculazione economica c’è in fatti una scia di morte che non trova paragoni nella storia.
Uno Stato che torni ad essere semplicemente normale ha tutte le leve di sovranità per riportare le cose al loro posto, uscire dall’euro e dall’UE è la precondizione indispensabile per la nostra salvezza. Il ripudio della guerra e di ogni logica mercantilista la via per un futuro luminoso.
In questo contesto la vecchia politica non solo è inadeguata, ma è dannosa. Una politica criminale che ci ha ucciso non è degna di avere ancora il nostro voto ed il nostro consenso. Il m5s ha invertito la sua rotta sull’UE, questo lo rende tristemente funzionale al sistema, la sua base ha il dovere di reagire. La lega, con un’inspiegabile mossa suicida, si ripresenterà alle amministrative con colui che appoggiò il governo Monti imponendo il crimine del pareggio in bilancio in Costituzione e così tornerà ad una voluta irrilevanza. Il PD invece è e resta il partito della finanza internazionale per antonomasia. La sinistra arresa al capitale, per la collusione di alcuni e l’ignoranza di altri.
Ci raccontano che le alleanze sono necessarie, che le elezioni amministrative non c’entrano con le nazionali. Falso! Mentre l’Italia affonda questi idioti sono ancora agganciati alle vecchie logiche politiche, pensano ancora alle poltrone.
I Comuni muoiono per le regole europee, parlare di altro equivale ad allontanare i cittadini dalla verità per biechi interessi personali. Noi abbiamo il dovere di azzerarli! Lo dobbiamo all’Italia, lo dobbiamo ai nostri figli, lo dobbiamo al mondo intero. Non si può votare ancora chi ci ha condotto al massacro. I Sindaci che pensano di rispettare le regole UE una volta eletti, saranno i carnefici della finanza, gli esecutori degli ordini che la BCE ci formulò con la lettera 4 agosto 2011. Oggi servono guerrieri pronti a rischiare tutto, anche il carcere se necessario. Chi non ha il coraggio si levi subito dai piedi!
Iniziamo a dargli una lezione dalle prossime amministrative. Una lezione esemplare. Non credete al mantra del “voto inutile” ai partitini, lo dicono esclusivamente per manipolarvi, come in ogni altro settore lo fanno per spaventarvi. Vogliono farvi credere che ci sia una strada sola, tutto il resto sia disperdere energie.Così un sistema che non ha più il consenso popolare riesce ancora a reggersi.
Alle amministrative, per far svoltare l’Italia, basta un piccolo gesto, non votarli! Vanno azzerati! A Genova poi avrete modo di scegliere Riscossa Italia, di scegliere me, che rappresento inequivocabilmente la voce più dura, e dunque più censurata, contro il potere finanziario.
Potrete scegliere una persona pronta a pagare personalmente pur di disubbidire alla logia dell’utile contabile. E come ricordava Keynes, quando si disubbidisce ad essa si è già iniziato a cambiare il mondo. A Genova inizieremo la rivoluzione! Mandateci al timone della città e la censura nazionale sparirà a furor di popolo!
A Genova, sia chiaro, corriamo per vincere, non esiste altro risultato. Non siamo più presenti solo per informare ed aprire le menti, abbiamo capito che se vogliamo ottenere ciò in cui crediamo, dobbiamo farlo da soli, gli altri non hanno attributi sufficienti per aggredire i veri poteri forti.
E correremo anche per vincere le politiche! Noi siamo qui solo per riscattare la speranza di avere ancora un futuro! Non abbiamo paura perché sappiamo che non esiste altra strada, continuando così la finanza internazionale creerà tensioni tali da provocare la terza guerra mondiale ed allora il sipario calerà, per tutti noi.
Saremo inclusivi solo con chi condividerà il ripristino e l’attuazione della Costituzione e dunque il superamento dell’ideologia liberista ed il riscatto delle nostre normali leve di sovranità. Chi, nei partiti storici, condivide le nostre idee si guardi allo specchio, rinunci alla poltrona, e venga a combattere al nostro fianco, al fianco della Costituzione e della democrazia, regalate un futuro ai vostri figli.
Non potete votarli ancora!
Avv. Marco Mori – Riscossa Italia

http://altrarealta.blogspot.it/


MEDITAZIONE COLLETTIVA Stasera, il 14 aprile, dalle 21.30

Posted: 15 Apr 2017 07:55 AM PDT
- Chi di voi si rende conto del momento difficile che vive l’umanità in questi giorni (basta un passo falso...),

- chi crede nella forza dell’intento...

- chi crede che il Bene debba comune prevalere, per tutti noi, per non scivolare nel baratro...


Stasera, il 14 aprile, dalle 21.30 in poi, noi faremo una MEDITAZIONE COLLETTIVA con questo programma gratuito.
Unitevi a noi!

la Pasqua che tutti attendiamo è una festa della rinascita, del Bene, della Vita.
E’ un momento opportuno.
Advanced Mind Institute


la meditazione da scaricare dal sito sezione download gratuiti

Pace e prosperità al pianeta Terra


Non è un segreto per nessuno che il nostro pianeta non sta vivendo i tempi migliori. Uno stato di crisi si rivela in ogni sfera della nostra vita, il sistema ecologico si sta distruggendo in maniera mai vista prima, e sempre più spesso le TV ci fanno vedere la violenza, le sommosse, le guerre, la fame e la sofferenza.
Perché avviene tutto ciò? Qual è la causa di questo stato di cose?
Albert Einstein disse un giorno che il principale problema della nostra civiltà sta nel divario tra lo sviluppo tecnologico e quello spirituale.
Dopo aver iniziato il cammino tecnologico l'umanità ha smesso di occuparsi del progresso spirituale.
Quei modelli di comportamento che per millenni avevano aiutato l'uomo a sopravvivere, ora gli stanno giocando un brutto scherzo diventando la causa di una crisi globale dell'umanità.
Permettetemi di spiegarlo.
Per migliaia di anni l'uomo si confrontò duramente con la natura affrontando mille pericoli: fame, carestie, belve feroci, guerre contro le altre tribù, malattie, caldo, freddo e molto altro.
Riuscivano a sopravvivere solo coloro che sapevano sottomettere gli altri, ad accumulare le provviste di cibo, ad assicurare a se stessi e alla propria famiglia le provviste necessarie. La cattiveria, la violenza, l'aggressione, l'egoismo erano necessari per ostinare a vivere nelle condizioni avverse.
Così dalla madre Natura venivano selezionati quegli individui che mostravano una maggiore capacità di sopravvivenza e possedevano l'egoismo, la brama, sapevano sfruttare i suoi simili per assicurare il proprio benessere.
Per modificare questo stato di cose migliaia di anni fa nacquero le religioni, come un richiamo al rifiuto dei modelli di comportamento primitivi e il cambiamento dell'uomo stesso.
“Ama il tuo prossimo come te stesso”: è la formula della crescita spirituale che innalzava l'uomo al nuovo gradino.
Negli ultimi secoli l'umanità sta portando avanti il progresso tecnico – scientifico senza assolutamente preoccuparsi del fatto che lo sviluppo tecnico non accompagnato dalla crescita spirituale significa una strada verso il nulla.
L'uomo si rallegrava ingenuamente per ogni nuova invenzione senza capire che la conservazione degli istinti animaleschi, dell'aggressione, dell'egoismo significava mettere tutte le conquiste tecnicoscientifiche contro di lui.
Questa è la ragione della odierna crisi: gli istinti che prima ci aiutavano a sopravvivere, ora ci conducono alla morte. Se prima il lancio di una freccia creava delle conseguenze minime per la Natura, ora il mondo può essere eliminato schiacciando semplicemente un bottone “nucleare”.
Il cerchio si è chiuso.La nostra civiltà distrugge la natura e se stessa perché non ha le profondi basi spirituali e morali che servono per mantenere l'armonia con il mondo, che sappiano innalzare la coscienza dell'uomo al nuovo livello privo di differenza tra gli umani, di modo che tutti possano sentirsi degli abitanti dello stesso pianeta, liberi dai secolari pregiudizi. .... Abbiamo una via d'uscita? Si certo.
“Solo eliminando il male dentro voi stessi diventerete veramente utili anche agli altri. Per mezzo della pratica, poco alla volta, mandate via la cattiveria permettendo al vostro vero Buon Cuore, alla iniziale benevolenze, alla bontà, di creare una calda atmosfera per far crescere la vostra vera vita. Per questo io chiamo la meditazione la pratica della pace, la vera pratica della non violenza, il vero disarmo.” (Sogyal Rinpoche)


Il pensiero è materiale

Se tutti mandassero agli altri gli impulsi di bontà e d'amore, il mondo cambierebbe all'istante. Bisogna cominciare dalla propria persona. Lo vogliamo dai nostri governanti, dai nostri famigliari, dai conoscenti e dagli sconosciuti, ma in realtà, per salvare il mondo, occorre cominciare da se stessi.
Sembra che una persona comune sia inerme e non possa fare nulla per cambiare la situazione nel mondo. Non è così. Il pensiero è materiale, e se noi mandiamo gli auguri di pace e di prosperità a tutti gli esseri viventi del pianeta, il mondo cambierebbe. Basta volerlo fare.

Come usare questo programma?
Non è una comune meditazione. Il suo scopo è l'invio del desiderio della pace, dell'armonia, della prosperità al pianeta e a tutti i suoi esseri viventi. Durante questa meditazione voi DATE la vostra energia al mondo e non chiedete nulla in cambio.
Se lo faranno 100 persone, da qualche parte un bambino sorriderà.
Se lo faranno mille persone, una lite si trasformerà in concordia. Se lo faranno diecimila persone, cesserà un conflitto, una guerra.
Se lo farà un milione di persone, molte vite umane saranno risparmiate. Se una decima parte dell'umanità invierà un augurio di pace al pianeta, la pace trionferà sul pianeta.


Il pensiero è materiale.
IL VOSTRO PENSIERO E' MATERIALE. SE INVIERETE UN AUGURIO DI PACE ALLA TERRA E MANDATELE UNA PARTICELLA DELLA VOSTRA ENERGIA, IL MONDO INIZIERA' A CAMBIARE. VOI POTRETE CAMBIARLO.http://altrarealta.blogspot.it/


COME PICCHIARE LA MOGLIE ...

Posted: 14 Apr 2017 11:15 PM PDT



Intervista ad un Imam in una TV Egiziana che da suggerimenti su come picchiare la moglie secondo i precetti del corano.
“Allah ha onorato le moglie istituendo la punizione corporale. Il profeto Maometto ha detto di non picchiarla sulla faccia e non deturparla. Ecco perché viene onorata. Se il marito la picchia, non deve farlo sulla faccia, non deve insultarla. Lui la batte per educarla. Inoltre non deve colpirla più di dieci volte, non deve ferirla, non deve colpirla ai denti o agli occhi. C’è un protocollo del picchiare: se la picchia per educarla non deve sollevare in alto le mani, deve colpirla a livello del torace. La donna ha bisogno di essere educata, come fa a educarla attraverso il ravvedimento? Se lei si sottraesse, lui dovrebbe rifiutare di dividere il letto con lei, se lei non si pente lui dovrebbe picchiarla. Ma ci sono regole: i colpi non devono essere forti, in modo da non lasciarle il segno. Può colpirla con un bastone piccolo, deve evitare di colpirla sulla testa, dove fa male. Dovrebbe colpirla sul corpo e il colpi dovrebbero essere uno dopo l’altro. Il rispetto della donna nell’Islam è evidente anche dal fatto che la punizione corporale è permessa in un solo caso: se la moglie si rifiuta di dormire con lui”.

http://altrarealta.blogspot.it/

http://www.spreaker.com/user/webradio11-11/incontro-con-tom-bosco-giornalista-co-re

tramite Tullia

Nessun commento:

Posta un commento