martedì 21 marzo 2017

I LINK DI MARIA-DOSS

#PIGNORAMENTO CONTO CORRENTE: DAL 1° LUGLIO 2017 POSSIBILE SENZA ALCUN
PROCEDIMENTO GIUDIZIARIO.

L’articolo esamina le nuove possibilità attribuite, con decorre...nza
dal 1° luglio, all’Agenzia delle Entrate Riscossione, il nuovo ente
strumentale all’Agenzia delle Entrate che sostituirà Equitalia. Tale
ente potrà accedere alle banche dati INPS e potrà pignorare i conti
correnti in maniera diretta senza alcuna autorizzazione del giudice.
Sono anche analizzati i mezzi di tutela del contribuente.

Si ampliano i poteri del Fisco in materia di controllo delle
disponibilità liquide dei contribuenti.

Difatti, dal 1° luglio 2017, l’Agenzia delle Entrate che incorporerà
l’attuale Equitalia potrà consultare l’Anagrafe tributaria e procedere
al pignoramento dei conti correnti direttamente senza attivare alcuna
procedura di autorizzazione. Ed inoltre potrà consultare le banche
dati dell’INPS per acquisire le informazioni relativi ai rapporti di
lavoro per pignorare stipendi, indennità ecc. È questo in sintesi
quello che si evince dalla lettura dell’articolo 3 del D. L 193/2016
convertito nella Legge n. 225/2016. Analizziamo nei termini la
questione.

Ai sensi dell’art. 1 del Decreto Legge n. 193/2016 citato, con
decorrenza dal 1° luglio 2017 scomparirà l’ente di riscossione
Equitalia e prenderà il posto di questo un ente strumentale
all’Agenzia delle Entrate di carattere pubblico ma economico che sarà
sotto il controllo diretto del Ministero dell’Economia e delle
Finanze. Tale ente succederà a titolo universale in tutti rapporti
giuridici attivi e passivi, nonché in tutti i giudizi processuali in
cui è parte Equitalia. A dire il vero, il citato ente diventerà
l’Agente della Riscossione e sarà dotato di tutti i poteri previsti
dal D.P.R. n. 602/73.

Difatti, nell’ambito dell’articolo 3 del D.L. 193/2016 che potenzia i
poteri dell’Agenzia delle Entrate in materia di acquisizione delle
informazioni concernenti i rapporti di lavoro presso le banche dati
dell’INPS per poter pignorare gli stipendi, i salari ed altre
indennità dei contribuenti, nonché di utilizzare le informazioni
derivanti dalla consultazione dell’Anagrafe tributaria anche ai fini
della riscossione, vi è un’estensione di tali poteri al nuovo ente
Agenzia delle Entrate – Riscossione.

Nella procedura ordinaria, di norma il creditore, al fine di
soddisfare il suo credito, nel momento in cui decide di attivare il
pignoramento del conto corrente presso un istituto bancario, che
rappresenta il terzo, per attivare il c.d. pignoramento presso terzi
deve essere autorizzato dal tribunale. Sostanzialmente, prima deve
notificare l’atto esecutivo, ad esempio la sentenza, successivamente
deve notificare l’atto di precetto, mediante il quale intima il
debitore ad assolvere al pagamento entro il termine di dieci giorni
dalla notifica dell’atto. Trascorsi dieci giorni senza che il debitore
paghi, il creditore può notificare l’atto di pignoramento sia al
debitore e sia alla banca per un importo uguale a quello risultante
dall’atto maggiorato del cinquanta per cento. Nel momento in cui la
banca riceve la notifica dell’atto di pignoramento dovrà: 1. bloccare
le somme del conto corrente e lasciarle disponibili fin quando il
giudice non si pronuncia; 2. rendere al creditore, la dichiarazione
del terzo, mediante la quale comunica che le somme pignorate sono
disponibili sul conto corrente. Nell’atto di pignoramento è indicata
inoltre la data dell’udienza; in tale data il giudice, dopo aver
appurato quanto detto nella dichiarazione resa dalla banca, disporrà
che quest’ultima versi le somme accantonate al creditore.

Il pignoramento delle somme in caso di cartelle esattoriali

Il discorso e la procedura cambiano nel momento in cui a riscuotere i
soldi è il Fisco. In tal caso non è richiesta l’autorizzazione del
giudice. Il procedimento che si applica è quello previsto dall’art.
72-bis del D.P.R.602/1973. L’Agenzia delle Entrate-Riscossione nel
momento in cui notifica la cartella di pagamento, essendo un atto
esecutivo equiparabile al precetto, non deve promuovere la citazione
in giudizio del terzo e attendere l’udienza ma potrà pignorare il
conto corrente, decorsi i 60 giorni dalla notifica della cartella di
pagamento. Nella prassi l’ente di riscossione notifica l’atto di
pignoramento in primis all’istituto bancario e dopo al debitore,
invitando quest’ultimo a pagare l’importo entro il termine di 60
giorni. Se il debitore non assolve al pagamento della somma dovuta
entro il termine citato, il Fisco richiederà alla banca di versargli
l’importo senza attendere alcuna autorizzazione da parte del
tribunale. Come si può notare è un procedimento abbastanza celere che
non richiede dei tempi lunghi.

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2016/12/2/16G00238/sg

Pasquale Chierchia

http://www.movimentobaseitalia.it/…/
pignoramento-conto-cor…/

Altro...
PIGNORAMENTO CONTO CORRENTE: DAL 1° LUGLIO 2017 POSSIBILE SENZA ALCUN
PROCEDIMENTO GIUDIZIARIO. - Movimento…
PIGNORAMENTO CONTO CORRENTE: DAL 1° LUGLIO 2017 POSSIBILE SENZA ALCUN
PROCEDIMENTO GIUDIZIARIO. Legge 225/2016 testo completo
movimentobaseitalia.it
 
 VERRANNO INIETTATE 38 FIALE ENTRO I SEI ANNI. Vi sembra normale?

Tenendo conto anche dei richiami, ogni bambino dovrà sottostare a 29
vaccinazioni entro i primi 15 mesi di vita e 38 entro i 6 anni di età

Inoltre: le vaccinazioni raccomandate ai minori di età dal Piano
Nazionale Prevenzione Vaccinale vigente costituiscono requisito per
l’iscrizione annuale ai nidi d’infanzia.

...

Non abbiamo neanche più il potere di decidere che cosa entra nel corpo
dei nostri figli

Il nuovo Piano, approvato ieri in Gazzetta Ufficiale prevede che i
nuovi nati avranno diritto a cicli di base ed eventuali successivi
richiami di vaccino per la prevenzione di difterite, tetano, pertosse,
epatite B, polio, Haemophilus influenza tipo b, pneumococco,
meningococco B, rotavirus, morbillo, parotite, rosolia, varicella,
meningococco C: tutte vaccinazioni che la Regione Toscana ora impone
ai bimbi fin dall'entrata all'Asilo Nido.

http://toscana.cq24.it/…/
scuole-toscane-i-bimbi-6-anni-sott…

Altro...
Scuole toscane, i bimbi a 6 anni sottoposti a 38 vaccinazioni
Firenze. I "Genitori del No Obbligo Toscana" sono pronti per la
manifestazione del 22 Marzo che si terrà dalle 11 alle 14 nell'area
pedonale di via Martelli, in occasione…
toscana.cq24.it



Mariella Scarpetta criminali NON è GIUSTO VERGOGNOSI C'è UN LIMITE E
POI CI FANNO FIRMARE PRIMA DI FARLI POI LORO SE NE LAVANO LE MANI,MA
CI RIBELLIAMO O NO 38 VACCINAZIONI MA SCHERZIAMO!
Mi piace · Rispondi · 46 min
Rimuovi
Jessy Jenny Blasutti Io in tutta la mia vita ne avrò fatti meno di
20....di anni ne ho 31. All'asilo mi ero presa tutte le malattie
possibile ed immaginabili trj cui morbillo, varicella, scarlattina,
pertosse e chissà cos'altro....mi sembra si stia esagerando un
pochino....
Mi piace · Rispondi · 41 min
Scrivi un commento...
Premi Invio per pubblicare.

Abbattiamo la Frode Bancaria e il Signoraggio

· Ieri alle 6:45 ·

Rockefeller: "Diremo loro che se questi bambini non vengono vaccinati
si ammaleranno delle malattie più terribili"

Se avete figli a scuola fateci caso, sono in aumento esponenziale
bambini con problemi neorologici, linguistici e deambulativi, in ogni
classe ci sono almeno due o tre affetti da questi problemi, la
strategia dell'elite per creare una popolazione malata e divoratrice
di farmaci sta avendo i suoi frutti.

http://terrarealtime2.blogspot.it/…/rockefeller-diremo-loro…

Rockefeller: Diremo loro che se questi bambini non vengono vaccinati
si ammaleranno delle malattie più terribili...
notizie in real time dei disastri sulla Terra
terrarealtime2.blogspot.it
 
  IMPERDIBILE confessione del capo della CIA John Brennan sulla
Geoingegneria (Diffondi questo video)



https://youtu.be/PezJvxDQ2-8


Felice EP

POLITICO TEDESCO CONFESSA: STIAMO DISTRUGGENDO L'EUROPA!

https://youtu.be/D4y2L0deLJA


Prof. Giuseppe Guarino: "L'EURO? UN GOLPE"

https://youtu.be/x5ys8LW0mnM


Il punto di Giulietto Chiesa: "L’ultima privatizzazione, poi siamo nudi."

Pubblicato il 17 mar 2017

Quello che sta accadendo avrebbe dovuto generare un'ondata di sdegno e
di protesta, invece niente. Non solo ci mettono un'altra volta le mani
in tasca ma violano la Costituzione. Ci vogliono togliere
probabilmente l'ultimo strumento di cui l'Italia dispone per
difendersi da ulteriori espropri.

https://youtu.be/P554MA0c0ss
 
 
 

Nessun commento:

Posta un commento