martedì 3 novembre 2015

Vaticano


Vaticano colpito da nuove richieste di cattiva gestione finanziaria e di spesa sontuosa .

I giornalisti affermano di avere milioni esposti a mancate entrate e alti funzionari versando fondi della chiesa nei loro appartamenti già sontuosi

Francesca Chaouqui, che era un membro di una commissione speciale istituita dal Papa Francesco a consigliarlo sulla riforma economica all'interno del Vaticano, mentre cammina affiancato da un giornalista a Roma Martedì. Fotografia: Vincenzo Pinto / AFP / Getty Images


Stephanie Kirchgaessner a Roma

Martedì 3 Novembre 2015 18.46 GMT Ultima modifica Martedì 3 Novembre 2015 19.54 GMT




Condividi su Pinterest



Fin dalla sua elezione a capo spirituale della chiesa cattolica romana nel 2013, Papa Francesco ha sempre detto che vuole una Chiesa per i poveri.

Ma due controversi nuovi libri descrivono un Vaticano piena di denaro contante che è tristemente gestito male, dove gli alti funzionari versano fondi della chiesa nei loro appartamenti già sontuosi, e dove anche l'ufficio che ricerca candidati per la santità ha avuto i suoi conti bancari congelati di preoccupazioni finanziarie scorrettezza.

Secondo commercianti di Gianluigi Nuzzi nel Tempio, che verrà pubblicato il Giovedi, un rango alto funzionario del Vaticano, monsignor Giuseppe Sciacca, era così appassionato di migliorare il suo appartamento che ha preso su di sé per abbattere un muro che separa suo appartamento dalla sua anziani del vicino. Quando l'anziano sacerdote tornò dall'ospedale, dove era stato molto malato, ha trovato le sue cose erano stati confezionati in scatole.

"Non appena ha aperto la porta si rese conto che qualcosa non andava: il suo appartamento era stato modificato, e mancava una stanza, ma lui era troppo vecchio per reagire e chiedere giustizia", ​​ha scritto Nuzzi. Il sacerdote è morto poco tempo dopo. Sciacca è stato retrocesso di qualche mese in possesso del Papa Francesco, con una nuova posizione in un tribunale che si occupa di casi legali e amministrativi.

Il libro di Nuzzi non è l'unica pubblicazione di essere alzando le sopracciglia a Roma questa settimana. Avarizia, un lavoro dal giornalista Emiliano Fittipaldi anche per essere rilasciato il Giovedi, approfondisce le accuse di imbrogli finanziari, tra cui una denuncia che l'ex segretario di Stato del Vaticano, Tarcisio Bertone, utilizzato € 200.000 (142.000 £) da una fondazione significava per sostenere il Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma per rinnovare il suo appartamento. In base ad un accordo presunto nel libro, la "mega-attico" potrebbe, in cambio, essere utilizzato per le funzioni ospedaliere.

Secondo La Repubblica, che ha pubblicato stralci del libro, Bertone ha detto Fittipaldi che aveva pagato la sua parte dei costi di ristrutturazione.

Le accuse imbarazzanti sono stati presentati un giorno dopo il Vaticano ha annunciato di aver arrestato due membri di un ex comitato del Vaticano con l'accusa di perdite di documenti che, apparentemente, hanno costituito la base delle accuse principali dei libri.

Francesca Chaouqui, un esperto di pubbliche relazioni, e monsignor Lucio Ángel Vallejo Balda, un membro spagnolo della burocrazia chiesa, o curia, sono stati interrogati e arrestati con l'accusa di aver rubato documenti della Chiesa. Sulla sua pagina di Facebook, Chaouqui, la cui immagine del profilo cattura un Papa del sorriso Francesco stringendole la mano, ha negato di aver tradito il papa argentino.

Sotto la #MoreThanAnythingInThisWorld hashtag, ha scritto: "Non ho tradito il Papa. Né ho dato un pezzo di carta a nessuno ... E emergerà presto che ho la piena certezza e la fiducia totale negli inquirenti ... No peccato per favore, ho la mia testa alta, e [hanno] nulla da cui vergognarsi. "

Balda non poteva essere raggiunto dal Guardian.

A Roma il Martedì la storia sensazionale degli arresti è stata sostituita dalle nuove accuse di scorrettezza del Vaticano.

Papa Francesco segnalato quando è stato eletto che ripulire le finanze della chiesa era una priorità assoluta e la banca vaticana - solo un braccio dell'impero finanziario del Vaticano - da allora ha sostenuto di aver fatto molta strada dai giorni in cui era considerato un paria il sistema bancario globale, un luogo dove mafiosi e politici corrotti simili potrebbero presumibilmente riciclare i loro fondi impunemente.



Ma i due libri, citando documenti riservati, descrivono una forte resistenza agli sforzi di riforma del Papa Francesco, anche in qualità di revisori internazionali avvertito il Papa che c'era una "completa mancanza di trasparenza nella contabilità sia della Santa Sede del Governatorato", e che i costi sono stati fuori controllo, secondo il libro di Nuzzi.

Le accuse non sono del tutto nuova. Il cardinale più anziano accusato di revisione delle finanze vaticane, l'australiano George Pell, descritto all'inizio di quest'anno che il Vaticano aveva $ 1,5 miliardi (£ 1 miliardo) in attività che non erano state precedentemente contabilizzate, raccontando la Crux editore associato John Allen che i conti erano "confuso".


Di Nuzzi dire-tutto, che il Guardian ha visto prima della sua uscita, descrive come uno dei compiti del comitato per la quale Baldi e Chaouqui lavorato è stato quello di fare i conti con $ 2,7 miliardi di patrimonio immobiliare del Vaticano, che la Commissione ha ritenuto fosse del valore di sette volte più di quanto precedentemente riportato.

Essa ha inoltre esaminato l'ufficio all'interno del Vaticano che ricerca candidati per la santità. Quello che avrebbe trovato è stato sorprendente: anche se l'ufficio è strettamente esaminando le registrazioni di centinaia di persone per possibili santità - uno sforzo che costa circa € 500.000 per possibili santo - l'ufficio ha detto la commissione che non aveva alcuna documentazione potrebbe fornire alla parte posteriore le sue spese, che corrono in "decine di milioni di euro".

La banca vaticana non ha incluso la chiusura del conto in dettaglio nella sua relazione annuale.

Il Vaticano ha rifiutato di commentare le accuse contenute nei libri. "Per ora, non stiamo dicendo nulla", ha detto Federico Lombardi, il portavoce vaticano.

Lunedi ', quando ha annunciato gli arresti, la Santa Sede ha detto in una dichiarazione: "Pubblicazioni di questo genere non aiutano in alcun modo per stabilire la chiarezza e la verità, ma piuttosto di generare confusione e conclusioni parziali e tendenziose".

Nessun commento:

Posta un commento