venerdì 16 ottobre 2015

Le menzogne degli Usa


CRONACA
  ALTRI FATTI DI CRONACA ESTERA
ATTUALITA'
Raid Russia fine menzogne America usa

I raid russi in Siria smascherano le menzogne degli Usa che cercano in tutti i modi una scusa per fermare Putin.Ma gli americani vogliono davvero combattere l’ Isis?

di Enrico Galoppini
Il 2015 verrà ricordato sui libri di storia come un anno fondamentale nell’avventura del genere umano su questa terra: l’anno in cui la menzogna americana s’è mostrata a tutti per quello che è. Nuda, senza più veli, perché altro non poteva più fare.
Sono anni, decenni, secoli addirittura, che l’America taglieggia, deruba, preda, attacca e distrugge (per “ricostruire”!), usando la più grande macchina di raggiro mai messa in piedi: i cosiddetti “mass media”.
Anche solo mantenendoci a questi ultimi anni (non sia mai detto che la nostra “liberazione” venga messa in discussione!), ne abbiamo sentite di tutti i colori pur di giustificare le intenzioni malvagie degli Usa: “armi di distruzione di massa”, “esportazione della democrazia”, “violazioni dei diritti umani”, “brogli elettorali”, “intervento umanitario”, “bombardamenti chirurgici”. La lista dei pretesti escogitati dall’America per attaccare a destra e a manca è praticamente senza fine, perché senza fine è la brama di sottomettere e sfruttare tutto e tutti.
Una serie inesauribile di frottole con tanto di teatrino (come quella sull’antrace iracheno) che tutto il mondo a loro sottomesso ha dovuto fagocitare a colazione, pranzo e cena, quando per un’inveterata quanto nociva abitudine ci si piazza davanti ad un telegiornale. Col passar del tempo, effettivamente, sono sempre più quelli che qualche dubbio sulle amorevoli e filantropiche intenzioni americane se lo sono posto (la favola dell’11/9 è troppo grossa), ma in qualche modo, coi loro giochi da illusionisti della politica e della “comunicazione” (si pensi alla carta del “presidente di colore”), sono riusciti ancora a tirarsi dietro un certo consenso.
Ma è bastato l’inizio dei raid aerei russi in Siria a far saltare il tappo sul pentolone delle bugie dell’America. Un pentolone dal quale è uscito di tutto e di più: “Mosca attacca i nemici di Assad” (e cosa dovrebbe fare, di grazia???); “la Russia deve coordinarsi con la Comunità internazionale” (che coraggio, detto da chi fa da sempre come gli pare); “i raid russi provocano vittime civili, tra cui bambini” (ma guarda un po’, all’improvviso sono diventati dal cuore tenero!).
Il culmine di questa fuoriuscita di liquami nauseabondi (perché questo è l’odore dell’essenza, del concentrato dell’impostura) è stato il senatore McCain, che ha strillato – subito ripreso da tutte le solerti agenzie occidentali, senza più una stilla di senso del ridicolo: “La Russia attacca i ribelli finanziati dalla Cia!”.



Il cerchio si chiude: a forza di menzogne si finisce per dire la verità.
Un momento che prima o poi doveva arrivare. Quello in cui i peggiori delinquenti, ladri e truffatori che la storia umana abbia mai visto confermano le stesse identiche cose che un’informazione cosiddetta “alternativa” – che ovviamente, anche se letta da tutti, non ha diritto di cittadinanza sui “grandi media” – ripete incessantemente da anni.
A credere (per contratto) alle panzane americane sono davvero rimasti solo certi giornalisti ed il loro contorno di politicanti da strapazzo di un’Italia che, anche solo a giudicare dai commenti dei lettori di qualsiasi testata, sta con Putin e la Russia, ma che rischia di essere trascinata nel baratro nel quale, assieme alle sue menzogne, finirà presto l’America.
Fonte: Il Discrimine

Nessun commento:

Posta un commento